domenica 8 giugno 2008

Un paese alle deriva?? No, già affondato!

Avrebbero mai potuto Rizzo e Stella scrivere un libro come "La Casta" negli Stati Uniti?Ovviamente no! C'entra qualcosa la libertà di stampa americana? Assolutamente! E cosa allora? Semplice: i nostri politici sono i più ladri, corrotti, spudorati menzogneri al mondo!
Volendo anche solo pensare per un minuto che quanto scritto dai giornalisti su citati riguardasse la classe politica americana, la popolazione statunitense sarebbe insorta con tale forza, vigore, rabbia da non lasciare nemmeno le ossa dei farabutti di casa propria! E in Italia invece?
Ah l'Italiano, strano essere: ride! Si ride, più lo derubano e più ride forse perchè sogna di immedesimarsi in tali ladroni, sogna di diventarlo a sua volta.
Capita così che Rizzo e Stella pubblichino un secondo libro: "La Deriva - Perchè l'Italia rischia il naufragio" e scopri dalle porcherie in esso scritte che da faro del mondo siamo diventati fanalino. Un esempio? Le autostrade.
I giornalisti non possono fare a meno di descrivere in questo caso la puntualità e la severità del "Capoccione" (Mussolini s'intenda) che fece costruire le prime autostrade al mondo in tempi record! Oggi invece per una corsia della Palermo-Messina 36 anni.
Capita cosi che se negli anni settanta in Francia e Spagna si andasse in giro per mulattiere in Italia la splendida autostrada del Sole la faceva da padrone. Oggi la Spagna possiede più del doppio di autostrade rispetto l'Italia! E quante altre cose...
Ma sono tante altre le cose contenute tanto da capire benissimo che non siamo alla deriva ma già colpiti e affondati!
Trent'anni di lassismo, al confronto di un mondo che viaggia a velocità dieci volte superiore alla nostra, rende certo il fatto che il gap accumulato non è in alcun modo colmabile nemmeno se oggi tornasse il "Capoccione".
L'Italia all'avanguardia del ventennio non esiste più: è rimasto un carrozzone affannato, senza benzina dal quale tutti tentano di tirar via un pezzo per sè. E tutti a ogni ordine e grado rubano soldi come possono.
Consiglio a tutti di leggere il libro citato oggi, ne vale davvero la pena. Non so se alla fine avrete ancora molta voglia di ridere. Signori benvenuti nell'Italia del terzo millennio.

Nessun commento: