sabato 7 febbraio 2009

Europee e 4%: quello che gli italiani non sanno...

In settimana verrà approvata un'ulteriore legge ammazza democrazia: quella che introdurrà lo sbarramento del 4% alle elezioni europee. Si dirà: lo sbarramento è presente in tanti paesi europei. Si bene, condivido quanto detto ma nessuno stato europeo presenta l'eterogeneità politica che è invece presente da sempre in Italia e questa semplificazione coatta del sistema dei partiti può rivelarsi molto pericolosa.
Oltre il 60% degli italiani è favorevole a questa riforma in quanto la stessa va a diminuire la frammentazione politica in Europa. Ma quale frammentazione ci chiediamo???
Il Parlamento europeo è molto diverso da quello italiano tanto che nello stesso gruppo (il PPE) siedono Forza Italia, Margherita, Udeur, UDC, etc. partiti che in Italia fanno parte di schieramenti diversi! Ecco che la prima balla viene smontata.
Balla numero 2: si risparmierà sui rimborsi ai piccoli partiti che con poche centinaia di migliaia di voti ottengono milioni di euro. Non è assolutamente vero in quanto l'Italia stanzia 150 milioni di euro di rimborso elettorale: torta che anzichè essere divisa tra grandi e piccoli andrà ora solo ai partiti che supereranno il 4%. Tanto per dire: tutti i soldini se li divideranno PDL, PD, Lega e IDV. Che bella porcata: soldi ai soldi e niente ai poveri.
Famoso detto reggino: "ai ricchi 'ricchizza ai morti 'i fami 'ruppi 'i pizza.."

Balla numero 3: il voto dei parlamentari italiani sarà più omogeneo. Si sono dimenticati per esempio di dire quando si votava per le sanzioni europee all'Italia per la questione Lampedusa e i nostri cari deputati erano tutti a casa? Tra i pochi presenti, per onor di cronaca, l'on. Romagnoli della Fiamma Tricolore a prendere la parola. La difesa dell'Italia da multe di milioni di euro affidata al Parlamentare della Fiamma eletto con lo 0,7%: complimenti!

Balla numero 4: In Europa ci deve andare gente competente. Definiscono in questo modo Iva Zanicchi, Lilli Gruber, Vittorio Prodi? Eh si perchè oltre ballerine e soubrette in Europa ci mandiamo anche fratelli, mogli, cognati oltre ovviamente i trombati che non hanno trovato posto nel Parlamento italiano.
Se gli organi di stampa del nostro caro Presidente del Consiglio dicessero questo agli italiani forse non ci sarebbe più quel 60% di favorevoli alla riforma.
Ma caro Silvio questi sgarbi li pagherai stai tranquillo alle amministrative.
Italia, anno 2009, ancora una volta vergogna!

1 commento:

PM ha detto...

il proverbio è proprio azzeccato..