giovedì 8 settembre 2011

Italya sotto Attacco!


PILLOLE DI ATTUALITA’
di Giuseppe Minnella

Continuano puntuali e quotidiani i ceffoni all’Italia ormai in rotta sotto tutti i punti di vista! Sotto a chi tocca quindi.
La Bank of America – Merrill Lynch accusa l’Italia di aver perso credibilità.
Ci ragioni un attimo, pensi sia vero con i politici che abbiamo ma ad un tratto sussulti.
“CHI?? CHI CI ACCUSA DI AVER PERSO CREDIBILITA’???”
La Merrill Lynch??? La principale banca dalla quale nacque la crisi mondiale del 2008 e che fallì nel volgere di una notte?? La stessa banca che fino al giorno prima pagava e strapagava manager, aerei privati, festini ed ogni più sfrenato lusso e che poi è stata sommersa dalla sua stessa speculazione??
In un mondo che si rispetti la Merrill Lynch avrebbe dovuto attendere almeno 2 millenni prima di poter criticare l’ultimo degli stati africani ed invece parte forte la bordata all’Italia.
Non solo! Per attaccarci cita Moody’s, la società di rating che ha messo sotto osservazione il nostro debito pubblico.
CHI?????? – si domanderebbe ancora sbigottito e sgranando gli occhi l’ultimo dei fessi al mondo.
Moody’s?? Una di quelle società che il giorno prima del crack del 2008 quotava la Merrill Lynch e le altre banche americane con la tripla A? AAAAHHHHHHHHHH!!
Davvero non c’è contegno da parte di questi signori speculatori, affamatori del mondo e spregevoli manovratori finanziari. Non solo! Questi usurai si arrogano il diritto di stabilire se un Governo debba o meno rimanere in carica suggerendo a quello italiano le dimissioni!!
Certamente questo Governo è ridicolo ma non è ammissibile che una banca, americana per giunta e creatrice della grande crisi globale, si possa arrogare tale diritto!
Da tempo sappiamo che le elezioni sono uno strumento inutile.
La finanza internazionale riesce a manipolare le classi politiche ed i paesi a prescindere da chi li governa.
Perché spendere dunque centinaia di milioni di euro per le elezioni?
Il prossimo Governo facciamolo nominare da Soros, Merrill Lynch e Company!

Napoli, 8 Settembre 2011

Nessun commento: